sabato 5 novembre 2011

In ricOrdO d'una Sant'HOnOrè...;)

Quando si tratta di sgranOcchiare sono sempre pronta! Il sacchetto degli  stucchini (di qualunque genere sia)  è per me una irreSiStibile tentaziOne...


Avevo ancora in cima al mio disordine  questo timbro fatto in casa  ideale compagnia  dell'essenziale, e quanto mai indispensabile alfabeto di legno  comprato qui . 


E' stato semplice... 600gr di farina 00,  250gr di vino bianco, 130gr di olio d'oliva, 2 cucchiaini di sale... impastati senza troppe cerimonie ed arrotolati velocemte su se stessi i tarallucci erano belli e  pronti per la cottura.


Dopo 30 minuti di forno  a 200 gradi  tutti i torcinelli   erano già sistemati  per il Lunch di metà pomeriggio.
Una scorpacciata........... naturalmente!!!!
Tanto che per la sera ero mezza ubriaca e con la lingua in fiamme!!!


Ma il meglio è stato preparare questi sacchetti di carta forno  per "manufatti caserecci".  Come dice la mia "mezza-mela"  mi  appassionano  molto più gli accessori e gli strumenti per la cucina, che la cucina ed il cucinare in se'.....


.......e come dargli torto!? Visto che spesso mi interessa  più curare la presentazione di una cibaria che il sapore della stessa??!!!


........ come quella volta che ho preparato una sant'honorè  tanto bella da fare invida ad una torta principesca, quanto insipida ed insignificante come mangiare un pezzo di carta!!!!


Mia sorella (la festeggiata) dopo vent'anni ancora me la  rinfaccia vista   la brutta e magra figura che le feci fare coi suoi compagni del sabato sera!!!!!!


Per farmi perdonare (sempre meglio tardi che mai)  le ho portato una sacchetto artigianale di tarallucci fatti in casa! Quando li ha visti m'ha subito detto: "saranno mica un'altra delle tue incommestibili produzioni?"
macchè sono buonissimi,  magari un po' tosti però..........

18 commenti:

  1. Adorpo i tarallucci al vino. Io li faccio (col Bimby, confesso) e prima di metterli in forno li ricopro di zucchero semolato. Il timbro è venuto benissimo! E i pacchettucci sono davvero carini zigzagati a macchina. Buon week-end. Grazie a Dio è sabato. E io non ho ancora visto la borsa, ricordati!

    RispondiElimina
  2. mmm... irresistibile sacchetto... sia dentro che fuori!!!

    RispondiElimina
  3. Mi piace tanto sgranocchiare i tarallucci....l'idea dello spago mi piace molto....baci

    RispondiElimina
  4. i tarallini mi fanno sempre impazzire (e ingrassare a quanti ne mangio) ma se dovessi averli in un cartoccino come questo mi dispiacerebbe aprirlo e rovinarlo per mangiarli (ma alla fine cederei ).
    E' da un po' che osservo i tuoi timbri e mi piacerebbe farne uno per me, devo cercare quella gomma (crepla ?) e provare.
    Ciao ciao
    Germana

    RispondiElimina
  5. buoni i tarallucci e belli i sacchetti...la Sant'Honoré "triste,triste" è capitata anche a me....non ci ho mai più tentato

    RispondiElimina
  6. mmm... che post pieno di ispirazioni, culinarie e creative, bello!!! Mi sa che proverò a fare i tuoi tarallucci al vino, non li ho mai fatti in casa ma ne vado matta! Il sacchetto è davvero carino, i particolari fanno la differenza!

    RispondiElimina
  7. Vabbè...daiiii,anch'io sono molto per la confezione! Vuoi mettere delle cose buone e confezionate malissimo, buttate là...e delle cose buonine ma comunque che si presentano magnificamente? Anche l'occhio vuole la sua parte!!

    RispondiElimina
  8. buoniii, è una bella idea regalo x natale.)

    RispondiElimina
  9. buona questa ricetta!!!quasi quasi li faccio anch'io!!!
    grazie per tutte le idee che mi dai ogni volta che passo di qui!
    Laura

    RispondiElimina
  10. Che idea carina! Il cuore mi piace tantissimo e i torcinelli oltre che belli sono moooolto invitanti, bravissima! Bacioni Kinà
    www.made-in-kina.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. belli i tuoi sacchetti per contenere il torcielli...... cmq l'unica cosa è ke magari dovresti cuocerli di meno se ti diventano troooppo duri :-) http://danielainrosa.wordpress.com

    RispondiElimina
  12. Idem con patate (dato che siamo in tema culinario): sposo tutta la tua teoria (e per la pratica, condivido i tuoi insuccessi).
    Lo stesso teorema, lo applico quando devo scegliere un ristorante: l'ultima cosa di cui mi curo è come si mangia...mentre la prima, è l'ambiente, le luci, le tovaglie... Tutto quello che per gli altri è contorno, per me è il centro!
    La tua presentesciòn è degna delle tue manifattive, ed a me non interesserebbe nulla di come sono venuti quei tarallucci :-)
    Smuaccc!
    e°*°

    RispondiElimina
  13. Ma che belle bellissimissime queste confezioni!!!! E poi la ricetta è quasi quella delle ciambuchine della mia adorata nonnina!!!

    RispondiElimina
  14. Non conoscevo il tuo blog!...ora che l'ho scoperto...non mi farò più scappare nulla di quello che produci!
    E' davvero bellissimo!
    Se ti va passa da me...
    Loredana

    RispondiElimina
  15. Bimbina avresti anche potuto non dircelo. Dalle foto immagginiamo la fragranza, la tenerezza, il sapore intenso di questi meravigliori, imperdibili torcinelli. E sì, perchè le foto sono così belle, l'ambientazione così curata, e i sacchetti poi? Da esporre così per bellezza, senza consumare il contenuto :) un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Lara di seurasaari.blogspot.com21 novembre, 2011 20:09

    Questi sacchetti sono un'ideona grandiosa... BRAVISSIMA!

    RispondiElimina

grazie 1000 per il tuo commento ... è il vero carburante che alimenta il mio blog!!!!!